I pneumatici marchiati POR: cosa sono e che norme devono rispettare

Oggi il segmento 4×4 è dominato in larga parte dai pneumatici per SUV, ma quello dei prodotti per utilizzo realmente fuoristrada non va trascurato. In questa particolare nicchia c’è grande confusione sul tema dei pneumatici marchiati POR, sia tra i rivenditori che tra gli utilizzatori.

La sigla POR significa “Professional Off Road” e indicano quindi prodotti destinati al fuoristrada estremo. A causa del loro battistrada particolare questi prodotti non rispettano le normative europee in termini di rumorosità, consumi e soprattutto distanza di frenata e non vengono quindi sottoposte all’etichettatura europea.

Questi prodotti possono essere utilizzati per strada senza nessun tipo di limitazione, se non quella di apporre un’etichetta sul cruscotto che riporti la velocità massima raggiungibile dai pneumatici nel caso in cui l’indice di velocità riportato sui pneumatici sia inferiore a quello scritto sul libretto.

È infatti possibile montare pneumatici marchiati POR con codice di velocità inferiore rispetto a quello del libretto, come afferma il “REGOLAMENTO (UE) N. 458/2011 DELLA COMMISSIONE del 12 maggio 2011″:

Il punto 4.2 e in particolare il comma 3 affermano infatti che “Il requisito del simbolo della categoria di velocità compatibile con la velocità massima di progetto del veicolo” non si applica “in caso di veicoli muniti di pneumatici fuori strada professionali muniti di marchio POR. Se però la velocità massima di progetto del veicolo è superiore alla velocità corrispondente al simbolo della categoria di velocità inferiore, indicato dagli pneumatici destinati a uso speciale montati, all’interno del veicolo va esposta — in risalto, facilmente e immediatamente visibile al conducente — un’etichetta di avvertenza della velocità massima di cautela raggiungibile degli pneumatici ad uso speciale montati.”

Quindi, se per esempio il libretto riporta un codice di velocità Q (160 km/h) si potranno montare pneumatici con indice di velocità N (140 km/h) apponendo un’etichetta davanti al guidatore con scritta la velocità massima raggiungibile di 140 km/h.

Si tratta di una deroga molto simile a quella relativa al codice di velocità per i pneumatici invernali, con l’importante differenza che questa non ha limitazioni temporali e permette di montare tali pneumatici tutto l’anno.