Arbre Magique Pop: il profumo per auto si tinge di giallo vaniglia

pubblicato il 15 / 01 / 2020 scritto da

Arbre Magique Pop, la linea di profumo auto per bocchetta di Arbre Magique Pop, aggiunge al suo bouquet le dolci note olfattive della vaniglia. Il profumo è intenso e cremoso, avvolge l’abitacolo con note olfattive delicate dalle proprietà antistress della vaniglia e grazie alla tecnologia 3D a lamelle, POP assicura un rilascio graduale del profumo fino a 30 giorni. L’ultima novità nella famiglia di profumatori solidi Arbre Magique Pop è studiato per dare un tocco inebriante all’abitacolo con gli aromi inconfondibili di una delle fragranze più apprezzate da sempre.

Il nuovo Pop Vaniglia di colore giallo si aggiunge ai quattro colorati e profumati POP già presenti nella gamma:

  • OCEAN: di colore azzurro la profumazione è caratterizzata da un’ondata di freschezza marina di grande originalità con sentori leggermente fruttati
  • FOREST: di colore verde è una freschissima promessa di menta e aromi green
  • EXOTIC: il rosso rinfrescante e rinvigorente è un cocktail di frutti esotici e tropicali
  • BLUE VELVET: di colore blu con una profumazione avvolgente dalle note fresche che ricordano gli agrumi del mediterraneo.

Prezzo consigliato al pubblico: 3,60 €.

Arbre Magique Pop profumo auto giallo vaniglia

Arbre Magique Pop è l’innovativo profumo solido per auto “con tecnologia ultra emanazione 3D”, una nuova frontiera nella profumazione da automobile. Si tratta infatti di un compound polimerico simile alla gomma capace di assorbire e rilasciare profumo in modo altamente funzionale. Dal design registrato, si posiziona sulle bocchette di aerazione con una pratica clip.

Vincitore del prestigioso riconoscimento Eletto Prodotto dell’Anno 2019 per la categoria deodoranti e profumi auto, Arbre Magique Pop è molto apprezzato per le sue dimensioni contenute (diametro 44 mm), che garantiscono sobrietà e discrezione, integrandosi perfettamente nel cruscotto e simulando con la sua forma circolare gli strumenti di governo dell’auto.

© riproduzione riservata