Bridgestone va sulla luna

pubblicato il 11 / 04 / 2019

Quando hai solo un sesto della forza di gravità a cui sei abituato, hai bisogno di una gomma che riesca ad avere un buon contatto con la superficie. E’ questo il motivo per cui la Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA) e Toyota Motor Corporation hanno chiesto a Bridgestone di mettere a disposizione le sue competenze per un progetto congiunto.

Il compito di Bridgestone sarà di progettare e sviluppare una ruota elastica in grado di sostenere il peso, l’accelerazione e la frenata del rover lunare che JAXA e Toyota intendono costruire. Il veicolo sarà lungo sei metri, largo 5,2 e alto 3,8, e avrà uno spazio abitabile di 13 metri quadri destinato ad astronauti. La ruota elastica sarà progettata per ridurre al minimo l’assorbimento degli urti e migliorare la manovrabilità, consentendo al mezzo di percorrere più di 10.000 chilometri sulla superficie della luna durante il corso della sua missione.

“Siamo onorati di collaborare con JAXA e Toyota nella sfida dell’esplorazione spaziale”, ha dichiarato Nizar Trigui, responsabile tecnico di Bridgestone Americas. “Riteniamo che le nostre capacità tecniche ci permettano di esplorare lo sviluppo di un pneumatico che è in grado di funzionare anche nelle condizioni più dure che si verificano sulla superficie lunare, contribuendo così a raggiungere un livello più elevato di mobilità per l’umanità.”

Trigui ha sottolineato che il fondatore di Bridgestone, Shojiro Ishibashi, considerava un valore e un impegno poter contribuire allo sviluppo della società. “La missione lunare rappresenta questo impegno ed è una testimonianza della volontà di Bridgestone di contribuire a migliorare il modo in cui le persone si muovono, vivono, lavorano e giocano”, ha detto il manager.

La partnership tra JAXA e Toyota è stata annunciata il 12 marzo. Le due parti collaboreranno a progetti di esplorazione spaziale. Il primo è lo sviluppo sopra menzionato di un rover pressurizzato, che impiega tecnologie di veicoli elettrici e che può trasportare due astronauti sulla superficie lunare. La missione lunare è prevista el 2029.

Bridgestone segue dunque le tracce di Goodyear, i cui pneumatici XLT sono stati montati sull’Apollo 14 MET (Modularized Equipment Transporter) utilizzato per la prima volta dagli astronauti Alan Shepard e Edgar Mitchell nel 1970.