Gripdetective

Scrivi una recensione
pubblicato il 28 / 07 / 2022

Caldo e motori: 5 consigli utili per la manutenzione delle auto usate, durante l’estate 2022

scritto da

Dati i prezzi di treni ed aerei sempre più elevati durante l’estate, oltre alle numerose cancellazioni di voli per mete estere, quest’anno molti italiani hanno deciso di affidarsi alla comodità di viaggiare in auto, godendo di flessibilità, spazio per i bagagli e prezzi più vantaggiosi: spesso però ci si può trovare ad affrontare viaggi molto lunghi per raggiungere le mete vacanziere, con veicoli usurati o non propriamente equipaggiati.

Seppure la decisione di viaggiare in auto possa comportare diversi vantaggi per famiglie e non solo, non si può sottovalutare la possibilità di andare incontro a inconvenienti e problematiche che spesso derivano da una scarsa consapevolezza sui bisogni della propria auto, soprattutto quando ci si ritrova a percorrere centinaia e centinaia di chilometri.

Abbiamo pensato a dei consigli per evitare tali inconvenienti e rendere i viaggi durante le vacanze meno stressanti, per i conducenti, ma anche per passeggeri.

Sia che la vostra auto abbia ormai qualche anno, sia che si tratti di un modello recente, durante il periodo estivo è molto più probabile che sia soggetta a problematiche derivanti dal caldo e dall’usura, data da un utilizzo più intenso che può lasciarci per strada con l’auto in panne. Per questo è importante organizzare un check-up o un tagliando completo della vostra auto presso officine specializzate, prima di intraprendere un viaggio.

Controllo del livello dei liquidi: prima di mettersi al volante, è importante controllare che l’autovettura abbia sufficienti livelli di liquidi. Controllare l’olio del motore, i liquidi refrigeranti, lo strato del liquido dei freni e del liquido lavavetri non è da sottovalutare per la buona riuscita del viaggio. I più esperti possono controllare autonomamente a casa, altrimenti è raccomandato portare la vostra auto presso l’officina di fiducia, qualche giorno prima della partenza.

Controllo degli pneumatici: il caldo rappresenta inoltre una dura prova per gli pneumatici e le alte temperature possono essere responsabili di perdite di pressione e usura, soprattutto se gli pneumatici sono stati gonfiati al massimo. Questo controllo prima della partenza diventa, quindi, fondamentale per evitare di ritrovarsi con gomme a terra. L’adeguatezza degli pneumatici può fare la differenza sullo stato di sicurezza del nostro viaggio in auto: pneumatici troppo usurati fatti viaggiare per molti chilometri, possono cedere o rompersi, aumentando i rischi di incidenti.

Spazzole tergicristalli: durante la stagione estiva, il caldo può non essere l’unico problema durante il viaggio in auto. C’è la possibilità di imbattersi in piogge e temporali estivi mentre si è alla guida. Se la spazzola dei tergicristalli risulta troppo secca e rovinata, non riuscirà a smaltire abbastanza velocemente l’acqua che cadrà sul parabrezza, impedendo una visibilità completa. Se ci si trova in tratti di autostrada, una spazzola nuova può fare la differenza.

L’uso dell’aria condizionata: Non è da sottovalutare il comfort dei passeggeri quando si programma un viaggio in auto e, durante l’estate, è impensabile affrontarlo senza un adeguato impianto di aria condizionata funzionante. Se non usata correttamente, però, può portare i passeggeri a viaggiare in una situazione di disagio a causa dell’eccessivo sbalzo termico tra l’interno e l’esterno. L’esposizione prolungata può avere come risultato un malessere generale, mal di gola, dolori alla cervicale e articolare e, alcune volte, anche nausea. Carvago consiglia di viaggiare a una temperatura non superiore ai 21 o 22 gradi, specialmente se i passeggeri indossano vestiti troppo leggeri

Regolazione del sedile di guida: mentre per i passeggeri il viaggio in auto può essere un’occasione per rilassarsi, chi è alla guida non può permettersi di abbassare la guardia, raggiungendo talvolta livelli di stress elevati. Un modo per attenuare la tensione è quello di posizionare il sedile di chi è alla guida in modo ergonomico, appoggiando le spalle al sedile e regolando la distanza in modo che i polsi riescano a toccare il lato superiore del volante. Mantenendo una postura corretta durante tutto il viaggio, si possono evitare contratture e dolori muscolari all’arrivo. Inoltre, la corretta postura del guidatore condiziona fortemente la sua capacità di controllo alla guida.

© riproduzione riservata