Il tricolore MiniEnduro Maxxis arriva a Ponte Nizza per il secondo appuntamento 2019

pubblicato il 27 / 06 / 2019

L’Italia dell’Enduro ha appena vissuto a Rovetta (BG) una delle gare più belle, affascinanti e toste degli ultimi anni con la mitica Valli Bergamasche. Nel cuore dell’offroad nazionale si sono sfidati i più forti atleti al mondo, con una grande Italia che si è messa in evidenza grazie a Alex Salvini, Matteo Cavallo, Thomas Oldrati e Andrea Verona, quest’ultimo fresco di titolo iridato nella classe Junior. Un grande risultato per l’Enduro verde-bianco-rosso che, dopo aver celebrato questi importati risultati mondiali, è pronto a volgere lo sguardo al tricolore MiniEnduro, base e scuola per molti campioni del presente, tra cui proprio lo stesso Andrea Verona.

A dimostrazione che il futuro del nostro sport è concentrato per la maggior parte in questo campionato lo sono i numeri di iscritti che mai come quest’anno stanno avendo una crescita esponenziale! Anche per questo secondo appuntamento della stagione la risposta dei nostri piccoli campioni del futuro non si è fatta attendere; saranno ben 180 i mini-piloti che sabato 29 e domenica 30 giugno si sfideranno a Ponte Nizza (PV), in un weekend che si preannuncia davvero bollente con temperature che potrebbero superare i 40 gradi in tutta l’area della provincia di Pavia.

A guidare la nave del tricolore MiniEnduro ci sarà per questa terza e quarta prova della stagione Capitan Motoclub Varzi, con Alessandro Ricci e tutta la sua ciurma pronti a regalare due giorni di divertimenti ai nostri ragazzi Under16, insieme agli amici del motoclub Valle Staffora.

Le prove speciali allestite per l’occasione saranno due: dopo lo start un trasferimento lungo il fiume Staffora accompagnerà i minienduristi nei pressi del Comec Enduro Test, caratterizzato da sentiero, sottobosco e tratti fettucciati. Terminati i 4000 metri di speciali, un secondo trasferimento porterà i concorrenti all’Airoh Cross Test, prova ricavata da una cava di ghiaia, con passaggi all’interno di un boschetto. Il tutto sarà ripetuto cinque volte, sia sabato (partenza ore 12.00) sia domenica (partenza ore 9.00).

Per la prima volta, a Ponte Nizza (PV), i ragazzi del tricolore non utilizzeranno la tabella di marcia cartacea, proprio come i “colleghi” dei campionati maggiori (art. 9.30 – 2°). Si ricorda invece che sarà possibile accedere all’Area Assistenza venerdì 28 giugno dalle 10.00 alle 19.00, sabato 29 dalle 8.30 alle 11.30 e domenica 30 dalle 7.30 alle 8.30.

In campionato le acque sono ancora movimentate; solamente la Lady Aurora Pittaluga (KTM) guida la classifica femminile del Trofeo Lady 24mx a punteggio pieno. Alle sue spalle ci sono a pari merito, Emily Faganel e Elisa Givonetti, entrambe su KTM.

Tra i maschietti, nella 125 Mini l’attuale leader di campionato è Gabriele Pasinetti (Beta), seguito a tre lunghezze da Niccolò Paolucci (KTM) e a cinque da Daniele Delbono (Yamaha), vincitore del titolo italiano della 50 Cadetti al Campionato Italiano Under23/Senior. Tra i più piccoli della Debuttanti, primo posto per Massimo Lorenzi (Yamaha – 37pt), seguito da Cristian Marioli (Yamaha – 35 pt) e Duccio Giraldi (Husqvarna – 27pt), mentre la classifica della Cadetti vede le prime tre posizioni occupate da Yuri Lombardo (Husqvarna – 34pt), Gennaro Utech (KTM – 30pt) e Manuel Savi (KTM – 26pt). Con trentasette punti al vertice della Junior c’è Gabriele Melchiorri (Husqvarna), seguito distaccato di soli due punti da Niko Guastini (KTM). Terzo posto per Filippo Pivetta (KTM – 32pt). Con una vittoria ed un secondo posto ciascuno, in prima posizione troviamo a pari merito Davide Mei e Alberto Elgari, entrambi su KTM. Sul gradino più basso del podio Federico Tortoreto (KTM – 30pt).

Nelle squadre, il motoclub Costa Volpino guida la classifica con 85 punti, seguito dal motoclub Gaerne e dal G.S. Fiamme Oro Milano, rispettivamente secondo e terzo con 81 e 67 punti.

Tra le curve del fettucciato i nostri piccoli atleti si sfideranno per conquistare la prima edizione del Trofeo Airoh Cross Test dedicato al MiniEnduro. Dopo la tappa di Roccamontepiano, il miglior atleta tra le curve del fettucciato è risultato Alessio Bini che guida la classifica con 34 punti. Dietro di lui troviamo Tommaso Murgut e Gabriele Pasinetti con 30 e 29 punti.